Ipnosi Ericksoniana, la psicoterapia rivoluzionaria
sulla notizia

 
Benessere  »  Ipnosi  »  
Segnala su:     segnala su OKNOtizie    Segnala su Del.icio.us     sagnala su facebook

Ipnosi Ericksoniana, la psicoterapia rivoluzionaria

Ipnosi Ericksoniana, un nuovo approccio all’ipnosi, un nuovo approccio alla psicoterapia, le basi per la nascita della Programmazione Neurolinguistica (Pnl)

Ipnosi Ericksoniana, la psicoterapia rivoluzionaria

Quando si parla di Ipnosi Ericksoniana non si può non partire dall’approfondire la conoscenza di quello straordinario terapeuta che risponde al nome di Milton Erickson.
Milton Hyland Erickson (Nevada, 5 dicembre 1901 – Arizona, 25 marzo 1980) è stato uno psichiatra statunitense.
Nel corso della sua brillante carriera ha ricoperto il ruolo di presidente e fondatore della Società Americana di Ipnosi Clinica ed è stato anche membro della Associazione Americana di Psichiatria, della Associazione Americana di Psicologia, e della Associazione Americana di Psicopatologia.
matematico Richard Bandler, e del linguista John Grinder,  da cui poi è nata la programmazione neurolinguistica (PNL)

Se è vero come è vero che la sua opera viene universalmente riconosciuta come il punto di svolta nel corso della storia della psicoterapia, gli va inoltre riconosciuto di essere stato il pioniere di un nuovo metodo di ipnosi clinica.  
Il metodo ericksoniano di ipnosi (ma in generale di psicoterapia) è di tipo naturalistico: si basa sull’identificazione ed il miglioramento di quelle risorse ipnotiche che sono già presenti in misura differente nelle persone. Milton Erickson infatti definiva l’ipnosi profonda come ” livello di ipnosi che permette al soggetto di funzionare in modo adeguato a livello inconscio senza interferenze della mente cosciente”.
L'uso nelle sedute di psicoterapia dell’ipnosi ericksoniana non dipende affatto dalla maggiore o minore suggestionabilità del paziente (che non sempre si palesa) ma dall’opportunità di rievocare i fenomeni di trance più funzionali al raggiungimento degli obiettivi terapeutici.
Molte volte non è nemmeno necessario che sia l'ipnoterapeuta a stimolare specifiche risposte ipnotiche nel paziente, infatti  tanti fenomeni ipnotici classici,  sono stati scoperti in maniera casuale come risposte spontanee e naturali del comportamento umano, palesate durante la trance anche senza che ci sia bisogno di alcuna suggestione.
L'ipnosi ericksoniana, a differenza dei diversi sistemi di psicoterapia ipnotica, ricorre ad una prassi tecnica di ipnosi che è flessibile e che in misura sicuramente maggiore rispetto agli altri approcci si adatta alle soggettive caratteristiche di ogni singola persona.
La sostanziale differenza tra questo approccio e gli altri è che durante la trance è il paziente , in misura maggiore, a guidare la comunicazione ipnotica tramite input e segnali che in maniera diretta o in maniera indiretta offre al proprio terapeuta.
Questo confronto si rivela estremamente produttivo e rappresenta una guida nel corso della terapia consentendo al terapeuta di aver accesso a tutta una serie di risorse che lo stato di trance consente di far venire a galla in maniera del tutto spontanea.
Per tutti questi motivi l’ ipnosi ericksoniana rappresenta un vero e proprio spartiacque nella storia delle psicoterapie oltre ad essere stata fonte di ispirazione e punto di partenza di tutti gli studi del

 
Tag Clouds

Ipnosi Ericksoniana

Milton Erickson

Programmazione Neurolinguistica

ipnosi regressiva
ipnosi
metodo ericksoniano
BENESSERE
IPNOSI
 
IPNOSI
IPNOSI: DIMAGRIRE IN MANIERA PIŲ RAPIDA, EFFICACE ED INDOLORE?
SMETTERE DI FUMARE CON L'IPNOSI
IPNOSI REGRESSIVA... PSICOTERAPIA DELLE VITE PRECEDENTI...
 
 
contatti

SullaNotizia - Giornale Online