Il Pd vorrebbe cambiare le regole delle Primarie? Paura di Vendola e Renzi?
sulla notizia

 
Politica  »  interni  »  
Segnala su:     segnala su OKNOtizie    Segnala su Del.icio.us     sagnala su facebook

Il Pd vorrebbe cambiare le regole delle Primarie? Paura di Vendola e Renzi?

Il primo partito italiano (secondo tutti i sondaggi) starebbe pensando di cambiare le regole che sono andate bene per Veltroni e Bersani. Paura del nuovo?

Il Pd vorrebbe cambiare le regole delle Primarie? Paura di Vendola e Renzi?

 

In tempi non sospetti, esattamente il 31 Agosto del 2010, avanzai l’ipotesi che i notabili del Pd, per paura del nuovo (un nuovo qualsiasi), stessero pensando a modificare il meccanismo delle Primarie. Ai tempi lo spauracchio da evitare era il ripetersi di una situazione sul tipo di quella accaduta in Puglia, con i capoccia del Pd a sostenere Francesco Boccia (toh, ho fatto anche la rima!) e il popolo delle primarie scegliere Nichi Vendola.
Lì fu evidente la frattura tra i dirigenti del partito e gli elettori.

E dire che i vari Giuliano Pisapia, Massimo Zedda e Leoluca Orlando dovevano ancora venire.
Non so quanto sia vera, ma gira voce che i dirigenti del Pd vorrebbero cambiare alcune regole delle primarie. Le stesse che peraltro hanno incoronato Veltroni e Bersani; per qualche motivo, il già bizantino statuto del Pd potrebbe crescere con nuove norme.

 



Quali? C’è l’idea di stilare un albo pubblico degli elettori, con l’ipotetico doppio turno limitato solo a chi ha votato al primo delle primarie. Le nuove regole, così come sono state stilate nella bozza concordata dai dirigenti democratici, prevederebbero l’appoggio di 90 delegati dell’assemblea e 17mila firme per potersi candidare, con la possibilità di iscriversi nel registro degli elettori a partire da una settimana prima fino al momento del voto al primo turno. Ma chi non ha votato il 25 novembre non potrà più presentarsi al seggio per il 2 dicembre. E poi il doppio turno scatterebbe qualora nessun candidato arrivasse a prendere il 50% dei voti, in luogo del 40% inizialmente ipotizzato.

Renzi e il suo staff non sono molti contenti di queste modifiche e annunciano battaglia.
Ma resta l’idea di fondo: fare quadrato verso ogni possibile intrusione, ieri l’altro Jacopo Schettini Gherardini o  Pier Giorgio Gawronski, ieri Ignazio Marino, oggi Nichi Vendola e Matteo Renzi.

C’è una parte, rilevante, del Pd che vede il “nuovo” come il fumo negli occhi e guarda con sospetto ogni possibile intrusione, anche se trattasi di intrusioni democraticamente autorizzate. Nato da “una fusione fredda”, nelle profetiche parole di Arturo Parisi, tra i Ds e i Dl, il Pd non ha ancora compiuto la sua mission democratica, forse perché non ha voglia di compierla, e le primarie si qui allestite il più delle volte sono servite a ratificare, con il crisma della democrazia, quello che s’era già stabilito nella stanza dei bottoni, come nel caso ante litteram del Prodi II o come quando s’intronizzò Veltroni, che s’era già autoincoronato al Lingotto.

Le Primarie del Pd rappresentano all’unisono il nuovo e il vecchio.
Il nuovo è rappresentato dalla novità, importata dagli Usa, delle primarie.
Il vecchio è rappresentato dall’argomentazione, cara ai vecchi democristiani, che poi pensare in grande e al futuro solo se hai 60 anni.

 

Massimo Bencivenga   

 

 
Tag Clouds

primarie Pd

arturo parisi

POLITICA
INTERNI
ESTERI
 
INTERNI
PRIMARIE IN CAMPANIA? QUANDO E CON QUALI CANDIDATI?
QUANTO VALE IL VOTO DEI GAY?
LA GRANDE PACIFICAZIONE E LA TERZA REPUBBLICA
IL SENATO DEGLI ALTRI
IL LINGUAGGIO DI RENZI
IL NEO-PREMIER RIUSCIR└ A FAR PASSARE LA RENZINOMICS?
 
 
Fai di SullaNotizia la tua home page   |    inserisci nei preferiti  |  mappa del sito  |  redazione  |  pubblicitÓ

SullaNotizia - Giornale Online di Puntocomunicazione P.IVA: 03115080610