Corso di Pnl: lezione numero II:I tre livelli della comunicazione e i canali sensoriali
sulla notizia

 
Segnala su:     segnala su OKNOtizie    Segnala su Del.icio.us     segnala su facebook

Corso di Pnl: lezione numero II:I tre livelli della comunicazione e i canali sensoriali

Corso di Pnl: approccio alla comunicazione basandoci sui 3 canali di trasmissione delle informazioni e sui canali sensoriali

Al nostro corso di pnl online in questa seconda lezione introdurremo alcuni concetti fondamentali sulla comunicazione.
Comunicare letteralmente vuole dire “trasmettere e ricevere informazioni


Noi esseri umani, semplificando, nei processi di comunicazione utilizziamo per trasmettere dei messaggi i seguenti tre canali:

Il canale verbale : rappresenta il contenuto, le specifiche parole attraverso le quali trasmettiamo informazioni e dati

Il canale paraverbale:  rappresenta la forma, la maniera in cui articoliamo le parole, tono, volume, ritmo,  velocità e pause

Il canale non verbale:  rappresenta l’interpretazione, mimica del viso o del corpo,  gesti e  movimenti, postura e sguardo.
È già dagli anni ’70 che numerose ricerche che si basano anche su tutta una serie di dati statistici
hanno dimostrato che nei primi istanti (se va bene nei primi minuti)di una conversazione con una persona sconosciuta gli esseri umani creano il 90% dell’opinione del loro interlocutore .

Partendo da questo presupposto il professor Albert Mehrabian della scuola di Palo Alto in California ha effettuato tutta una serie di ricerche dimostrando che nei primi attimi di un approccio con un estraneo l’ambito puramente verbale (il contenuto delle parole) della comunicazione influenza l’opinione dell’interlocutore solo per il 7%;  il paraverbale la influenza  per il 38% e, incredibile a dirsi, ciò che più determina l’opinione del nostro interlocutore è il piano non verbale che influisce per il 55%.
Infatti come viene spesso ricordato ad ogni seminario di comunicazione e quindi pure durante un corso di Pnl:

Non c’è  una 2° possibilità per fare una 1° buona impressione.

Ovviamente queste percentuali cambiano dal momento in cui si è raggiunti un buon livello di confidenza.
Il piano verbale, in questi casi può arrivare ad influenzare la comunicazione fino al 50%, percentuale in ogni caso molto lontana dalla convinzione comune che le singole parole che pronunciamo abbiano un peso specifico molto grande.
Un’altra deduzione che possiamo trarre da quanto fino ad ora detto è che per usare le parole di Paul Watzlavwick :

Non si può non comunicare!

In ogni situazione e circostanza, in ogni ambiente ci si trovi il nostro comportamento esprimerà in ogni caso qualcosa e, dunque, sarà comunque una forma di“comunicazione”.
se prendiamo il caso, ad esempio, di un oratore di professione che ha ben chiari quali sono i propri obiettivi, alla luce di quanto fino ad ora detto, dovrà sempre prestare la massima attenzione non solo al contenuto ma anche al “contenitore”, ovvero alla preparazione del come porsi nel proporre i concetti che ha intenzione di trasferire e di come riuscire a stabilire un buon rapporto con tutte le persone con le quali dovranno dividere una particolare esperienza lavorativa.
Ma un buon comunicatore per cogliere meglio le preferenze comunicative del proprio interlocutore dovrà esplicitare i principi di interazione tra la sua interiorità e l’esterno.
 

I canali sensoriali:
Ma per continuare in maniera esaustiva questo corso di Pnl  non si può prescindere dal fare un approfondimento sui I Canali Sensoriali
Fin dall’antichità gli esseri umani hanno posto l’accento su come la percezione della realtà sia un prodotto dei sensi. La nostra percezione della realtà non è diretta, universale e oggettiva. Noi vediamo e sentiamo ciò che la nostra mente seleziona e percepisce della realtà.
Ciò che ciascuno di noi percepisce della realtà viene poi tradotto  in rappresentazioni interne che hanno una notevole influenza sui nostri comportamenti e li condizionano.
Ognuno di noi crea strategie di comportamento in base alle informazioni che riceviamo dall’ambiente esterno tramite i nostri 5 canali sensoriali: la vista, l’udito, il tatto, il gusto e l’olfatto.
I canali sensoriali diventano così dei filtri che ci consentono di creare una nostra mappa interna del
mondo che ci circonda.
È talmente soggettiva tale rappresentazione che se ci venisse chiesto di disegnare una carta geografica dettagliata del nostro paese, confrontandola con quella realizzata da altri, già ad una prima occhiata ci si renderebbe conto che tutte avrebbero in comune soltanto una certa somiglianza.
Ognuno, infatti, in maniera del tutto soggettiva avrà rappresentato ciò che per il proprio sistema neurologico è la realtà, ovvero la propria rappresentazione individuale, condizionata e influenzata dai propri modi di essere, dalla propria cultura, dalle proprie personalissime esperienze.
Ognuno infatti sviluppa un modello di comportamento personale e soggettivo che sottolinea quanto “la mappa non è il territorio” ma solo una rappresentazione personale dello stesso.
Fra tutte le informazioni che vengono raccolte tramite l’utilizzo di tutti i canali, inconsciamente ne vengono rielaborate solo una parte attraverso alcuni canali sensoriali privilegiati seguendo una determinata strategia.
Ciascun individuo, quindi, possiede un proprio modo di osservare e rappresentare la realtà ed è

per questo motivo che per diventare degli eccellenti comunicatori è di primaria rilevanza avere

nei confronti degli interlocutori una grandissima versatilità e flessibilità, incrementando la capacità di adattare a seconda delle situazioni e delle persone che ci si trova di fronte i nostri comportamenti e le nostre strategie comunicative.

Bisogna imparare a decifrare in maniera rapida e, nel momento in cui si è particolarmente allenati, istintiva e spontanea, il modello del mondo delle altre persone le loro mappe e, conseguentemente, riuscire adattare la comunicazione agli interlocutori, rispettando i loro tempi di reazione e di apprendimento e le loro esigenze.
Per rispondere a tale esigenza durante un corso di Pnl viene spiegata una sistema semplificativo per catalogare e dare una immediata chiave di ingresso rappresentato dalla classificazione dei sistemi rappresentazionali di cui parleremo nella prossima lezione.

 

 

 

 

 
Tag Clouds

corso di pnl

pnl e comunicazione

canale verbale

canale paraverbale
canale non verbale

programmazione neurolinguistica

COMUNICAZIONE
- LA PNL E LA SEDUZIONE. FUNZIONA DAVVERO?
- CORSO DI PNL. LEZIONE V: I LIVELLI LOGICI NELLA PNL
- CORSI DI IPNOSI… CERCHIAMO DI CAPIRCI QUALCOSA IN PIŮ
- SCUOLA DI COACHING: COME DIVENTARE UN TRAINER PROFESSIONISTA
- PNL E SEDUZIONE... Č UTILE?
- PNL E SEDUZIONE: CONTATTO VISIVO
- CORSO DI PNL. LEZIONE IV: IL RISPECCHIAMENTO (O MIRRORING)
- CORSO DI PNL. LEZIONE III: I SISTEMI RAPPRESENTAZIONALI, IL RAPPORT E IL MIRRORING
- CORSO DI PNL: LEZIONE NUMERO II:I TRE LIVELLI DELLA COMUNICAZIONE E I CANALI SENSORIALI
- CORSO DI PNL. LEZIONE NUMERO 1: CHE COS’Č LA PNL
- PNL E SEDUZIONE
- PNL PER IMPARARE AD AVERE RAPPORTI DI SUCCESSO PARTE 2°
- PNL PER IMPARARE AD AVERE RAPPORTI DI SUCCESSO PARTE 1°
- LEGGERE IL LINGUAGGIO DEL CORPO
- LINGUAGGIO DEL CORPO: L’IMPORTANZA DI SAPERLO LEGGERE!
- PNL-PER VINCERE DOMANI
- PNL (PROGRAMMAZIONE NEUROLINGUISTICA) COS'Č?
 
 
contatti

SullaNotizia - Giornale Online